Maurizio Galli

inizia a studiare chitarra classica all’età di 11 anni,

abbandonando questo strumento in favore del contrabbasso tre anni dopo.

Dopo aver studiato col m° Battistelli entra in Conservatorio, e per cinque

anni segue i corsi di questo strumento. Parallelamente studia da geometra

privatamente e suona con gruppi dance nei più importanti locali italiani

per circa tre anni.

Appena conseguito il diploma parte per la Norvegia dove,per due mesi,

si esibisce in varie performance con un gruppo italo-francese.

All’età di 18 anni inizia a scrivere musica e testi che non vedono mai la

luce per una sorta di pudore che tende a tener separate le due attività che

seppur ovviamente connesse non devono ostacolarsi.

 

Come session-man inizia registrando colonne sonore cinematografiche,

ed è in questo periodo che ha la prima esperienza come bassista

nell’orchestra Rai di Roma diretta dal M° Pisano, per un varietà con

Loretta Goggi.

Contemporaneamente entra in un gruppo che accompagnerà Bobby Solo

per tournee che toccheranno per circa un anno e mezzo Stati Uniti,

Canada, Francia, Argentina, Australia, Belgio, Tunisia, Germania,

Grecia, Ungheria ecc.

E’ un momento questo molto importante per la formazione musicale e

culturale di M.G. e tutte queste esperienze lasceranno una traccia

indelebile per tutto quello che verrà.

 

Nel 1978 inizia a frequentare gli studi di registrazione dell’allora RCA

e a collaborare con i più importanti artisti italiani sia in studio sia in tour:

Mia Martini, Renato Zero, Riccardo Cocciante, Gianni Morandi,

Patty Pravo, Marco Armani, Ivan Graziani, D.D.Jackson, Mimmo Locasciulli,

Riccardo Fogli, Gabriella Ferri, Schola Cantorum, Aldo Donati,

Massimo Ranieri, Sergio Caputo, Guido & Maurizio De Angelis, eccetera.

 

Dal 1980 al 1984, oltre a innumerevoli registrazioni in studio e

trasmissioni televisive prende parte ai tour di Gepy & Gepy,

Mimmo Locasciulli, Roberto Ciotti, Mia Martini, Fiorella Mannoia,

Gigi Proietti, Renato Zero (“Identikit Zero”, con relativo disco dal vivo).

 

Nel settembre 1985, a conclusione di un trionfale tour in 57 stadi italiani

con Claudio Baglioni, prende parte al primo concerto di musica pop

trasmesso dal vivo dalla Rai (“Notte di note”).

 

Nel 1986/1987 è in tour con Fabio Concato.

L’anno successivo è nell’orchestra Rai per “Fantastico 8” (Celentano)

diretta dal M° Renato Serio e, in una speciale occasione, da Gil Evans.

 

Dello stesso anno, prima edizione di “Europa Europa”, ed il tour di

Luca Barbarossa (supporter Paola Turci) che, con oltre 100, concerti

ha il suo culmine nel festival europeo tenutosi a Dublino.

 

Dopo aver preso parte alla registrazione dell’album che vede il ritorno

sulle scene di Mia Martini (“Almeno tu nell’universo”) inizia un tour

estivo che gira per sei mesi l’Italia.

Nell’autunno del 1989 un altro tour teatrale sempre con Mimì,

che a più riprese durerà fino a settembre 1990 e terminerà

con la registrazione dell’album “La mia razza”.

 

Successivamente con Claudio Baglioni effettua una serie di

incursioni nelle discoteche italiane e registra un video

(“Quando la banda passò”) trasmesso dalla Rai a ridosso

dei tre concerti tenuti allo stadio Flaminio di Roma

(anch’essi ripresi dalla Rai), che saranno il prologo del

successivo tour.

 

Dal 1992 al 1994 ancora con Mia Martini (accompagnata da

Enzo Gragnaniello, Roberto Murolo, Toots Thielemans)

ad incontrare studi, teatri ed autostrade lastricate di grandissime

emozioni che non è possibile riportare su carta; tutto questo

fino alla sua scomparsa, solo fisica, avvenuta nel 1995.

 

Dal 1992 al 1995 è presente con il gruppo The Pasquale agli

spettacoli  teatrali di Rodolfo Laganà e contemporaneamente

fonda insieme all’attore Rocco Papaleo il “Rocco Papaleo & famiglia

quartet” con Beppe Basile (batt. e perc.), Stefano Senesi (ac. piano)

e Gianrico La Rosa (sound engineer). Una sorta di teatromusica

assolutamente acustico che riscuote molto successo nei club,

nei piccoli teatri e festival teatrali.

Il punto di ritrovo di questa ed altre forme musicali “diverse”

(Niccolò Fabi, Max Gazzè, Daniele Silvestri) è “Il Locale” nel

centro di Roma.

Con Daniele Sivestri registra a Recco l’album “Il dado” e con Daniele

e Rocco insieme prende parte al “Premio Tenco”.

 

Inizia la sua collaborazione con Pantarei, una entità musicale nuova

che agisce nel fertile terreno dell’etno-pop-reggae-dub-hip hop-jazz-

rock-funk, tanto per non etichettare uno stile musicale originale e

trasversale nel senso più nobile del termine. Pantarei fa capo a Leon

e Fabrizio Cesare un binomio con idee molto chiare, per cui l’apporto

di M.G. risulterà importante sì, ma si limiterà alla pura esecuzione

strumentale. Un’attività molto intensa quella live, dal 1996 al 1999,

corredata dall’uscita di 4 cd e la collaborazione all’allestimento di un

tour che vedrà Pantarei in coppia con Teresa De Sio senza però

prendervi parte.

 

Nel 1995 registra per Renato Zero “I migliori anni della nostra vita”,

un lavoro in presa diretta, con orchestra e coro di cento elementi

diretta dal M.° Renato Serio e un disco per Umberto Bindi prodotto

dallo stesso Renato Zero.

 

Dal 1994 al 2001 lo troviamo nelle otto edizioni del concerto “Natale in

Vaticano” (con l’orchestra sinfonica di Torino e successivamente con

quella di Montecarlo) sempre dirette dal M.° Renato Serio.

In questi anni ha il piacere di suonare per artisti internazionali come

B.B. King, Gino Vannelli, Dionne Warwick, The Corrs, Tiziano Ferro,

Angelo Branduardi, Chaka Khan, Brian Adams, Hevia, Anggun,

Manhattan Transfer, Randy Crawford, Miriam Makeba, Tom Jones,

Cranberries, ecc.

 

Nei primi sette mesi del 1996 è presente in “TuttoZero”, una tournee

teatrale di Renato Zero che colleziona 60 repliche. Il tour termina a

luglio allo stadio Olimpico di Roma in un unico concerto che vede

anche la partecipazione di Tosca, Grazia Di Michele e Mariella Nava

(con cui registrerà 3 dischi per la produzione di Tonino Coggio).

 

Il 31 Dicembre 1996 partecipa al concerto di Capodanno a P.zza del

Popolo a Roma con Renato Zero. Diretta Rai.

 

Dal mese di agosto fino all’estate 2003 farà parte del gruppo che

accompagna Amii Stewart in circa 120 concerti (Francia,Germania,

Caraibi) prima come bassista ed in seguito anche come direttore

musicale.

 

A questo punto M.G. cerca, invertendo la rotta, di rendere nota la mai

sopita passione per la scrittura, e come autore e compositore inizia a

proporre brani, testi, arrangiamenti e rielaborazioni.

Determinante l’incontro con Alex Baroni per il quale scrive brani

come “Onde”, “Signora Fantasia”, “Speriamo” e con il quale

nasce anche una più stretta collaborazione purtroppo prematuramente

interrotta dalla sua scomparsa.

 

Nel 1999 prende parte al tour teatrale ed estivo di Amedeo Minghi col

quale collaborerà fino all’autunno del 2000 (Stati Uniti, Canada).

Nella primavera del 2000 è nell’orchestra di “Tutti gli zeri del mondo”,

uno show televisivo per Renato Zero della durata di sei puntate

registrate negli studi di Mirabilandia.

A seguire esce il cd omonimo contenente tutti i brani eseguiti nelle

varie puntate, compreso quello di chiusura (“Tutti gli zeri del mondo”)

dove Renato duetta con Mina.

 

Nel 2001 effettua 2 concerti con Ron, Tosca e Loredana Bertè

all’Auditorium di Roma e quello di Pavia.

 

Dal 2003 al 2006 60 concerti con i Neri per caso.

 

Dal 2002 al 2006 con l’orchestra diretta dal M° Leonardo De Amicis

prende parte a 2 edizioni di “50 Canzonissime” (Palasport Rimini e

Palafiori Sanremo ), al “Concerto di Assisi”, suonandoc con Ron,

Fiorella Mannoia, Baglioni, Pino Daniele e con l’ orchestra diretta dal

M° Carlo Gargioni per la finale dell’ Accademia Festival Sanremo

(Teatro Ariston), “Aspettando il 2 Giugno” (Pippo Baudo), e il

“Telegatto 2006” all’ Auditorium di Roma.

 

Nell’estate 2005 registra il brano“Il dono” per l’album omonimo di

Renato Zero, e prende parte al “Live 8 al Circo Massimo” a Roma

(Zero, Baglioni, Pausini) in diretta mondovisione, dal quale verrà tratto

un libro e un dvd.

 

Nel 2006 partecipa a “Musicultura” (Porto Recanati) per Roberto

Kunstler, il concerto per la “Festa di Roma” a Piazza del Popolo

suonando con Fiorella Mannoia, e alla trasmissione televisiva

“Tutti a scuola”  (Quirinale/Roma) con l’orchestra diretta dal

M° Leonardo De Amicis (Zero Assoluto, Baglioni)